Penelope, la mia nuova migliore amica

Ho amato Penelope con tutta me stessa dal primo momento in cui ho scoperto di essere incinta. Ho combattuto con lei durante le minacce di aborto (cliccate QUI se volete leggere tutta la storia) e sono impazzita di amore quando l’ho vista per la prima volta un anno e mezzo fa. Non credevo che questo amore potesse crescere, lo pensavo già al massimo delle sue possibilità.

Non sapevo quanto mi sbagliassi.

 

Ora Penelope è in una fase meravigliosa. Parla, ti ascolta, ti risponde. Stiamo creando un nuovo rapporto che non è più quello simbiotico tra una mamma e una neonata, ma qualcosa di diverso e – prendete questa parola con le pinze – più maturo. Adesso giochiamo insieme, mangiamo insieme, chiacchieriamo. Insomma la mia bambina sta crescendo e con lei lo fa anche il nostro rapporto.

E anche se credevo fosse impossibile, il mio amore per lei cresce. Più andiamo avanti e più le voglio bene. A volte mi chiedo come sia possibile addormentarsi pensando di non poterle voler bene più di così, e poi svegliarsi il giorno dopo ancora più innamorata. Quando corre da me felice perché ha trovato Masha in televisione, quando giochiamo insieme a mettere a letto la sua Minnie o quando diamo insieme la pappa alle sue bambole, mi innamoro un po’ di più.

Ora lei è la mia più grande compagnia. Non possiamo passare insieme tutto il tempo che vorrei, perché sono spesso impegnata con il lavoro, ma quello che le dedico è il migliore possibile. All’inizio Penny non era una bambina troppo coccolona, mentre adesso si sta lasciando andare in maniera diversa. Mia figlia è semplicemente fantastica, non ho altre parole per descriverla.

Per questo per me è una gioia immensa pensare che quest’anno per la prima volta condividerà con me la gioia per il Natale. Non vedo l’ora di vedere la sua faccia quando aprirà tutti i pacchetti, soprattutto la Minnie gigante che l’aspetta!

Articolo interessante? Condividilo!
Madeleine H. Penelope, la mia nuova migliore amica

Scrittrice, Love Coach, Blogger, Mamma e molto altro... in una parola Madeleine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *